lunedì 11 ottobre 2010

3x10




Ottobre, Aquila.
Una trentina di disegnatori, accompagnati dai vigili del fuoco, impugnano pennelli, carta, blocchi e matite e si mettono a disegnare. Nella zone rossa, tra le rovine, tra le macerie che opprimono chi ha vissuto e amato la propria città, la propria via, la propria casa, e non può tornare neanche a vederla.
Sentiamo esperienze e fatti sia ignobili che generosi. Che sentimenti si rivelano all'uomo, quali lati vengono fuori, quando nelle calamità vi si ritrovano in mezzo, alle volte troppo, alle volte troppo poco..quanto è complicata questa nostra umanità..

5 commenti:

PALMAR ha detto...

Grazie per il tuo punto di vista davvero personalissimo! Mi è dispiaciuto non poterti incontrare... eravamo forse in gruppi diversi. Complimenti!

BEN ha detto...

grazie! in effetti eravamo tanti, sarà per la prossima ;) saluti e buoni sketch!

Matt J ha detto...

Hah! Drawing with a helmet! Great work Ben :)

ALESSANDRO TREVISANI ha detto...

hai una mano formidabile, il mio solo rimpianto è di non averti citata nel pezzo per il corriere.it, vivissimi complimenti mi sono incantato davanti ai tuoi sketch a treviso,speriamo di combinare qcosa con D la Repubblica delle donne, se ti va, sto parlandone con Simo Capecchi ..

A

BEN ha detto...

Grazie mille Alessandro!
Mi farebbe molto piacere una collaborazione con la Repubblica!
Se hai qualche progetto fammi sapere,
saluti grandi
Benedetta